Scendi in profondità con gli ipertesti

Clicca il pulsante _ALTRO

Regolamento Radice è la presentazione pubblica delle finalità del progetto HUMUS, nato nel 2019 da un’idea dell’ Associazione di Volontariato Pacha Mama ONLUS.


Risposta breve a un’identità complessa: COS’È HUMUS?

“HUMUS” è il network delle persone che si sentono rappresentate da questo nome. Humus è nell’assemblea dei soci dell’Associazione Pacha Mama. Germoglio da Humus nasce grazie all’ impegno dei volontari disponibili a ciclo trimestrale.


Sì ma: COSA FA HUMUS?

Gioca a sperimentare i linguaggi della cultura. Avvicina le persone alla consapevolezza della loro natura: quella solidale. Vicini in un’esperienza originale non possiamo piú negare di avere qualcosa in comune. ED È PER QUESTO CHE HUMUS C’È nelle iniziative che hanno il prefisso “altro-” (hai presente Humus Altro Natale #2?)


Leggi le parti bianche, trova facilmente la parte che ti interessa

Un progetto col cognome: HUMUS_ALTRO

Al di sopra del nome c’è la famiglia, che per HUMUS è “Altro”: l’Altro con la maiuscola nel rispetto di chiunque Altro.


Per chi vuole venire alle iniziative. Per chi fatica ad accettare i tesseramenti. Per chi ha dubbi a prendere parte.

UN INDIVIDUO = UN SOCIO

Qualsiasi nuovo “Altro” individuo può scegliere di associarsi passando ad HUMUS. Partecipa alle iniziative chi diventa socio dell’Associazione Pacha Mama e sottoscrive una tessera valida da settembre all’agosto seguente. La tessera ha un costo. Presentando la tessera valida col proprio nome si viene riconosciuti soci. Nessuna iniziativa prevede il pagamento di un ticket, ma tutte le iniziative sono solo per chi si associa.


Per chi cerca spazio. Per chi ha bisogno di tempo. Per chi viene e va.

Trattamento equo e non misurabile della PRESENZA

Da HUMUS l’adesione è più importante del contributo: se ogni evento prevedesse un costo d’ingresso fisso ci sarebbero più soldi in cassa e meno nomi nel registro. Più sicurezza economica ma meno ricchezza sociale. Chi appoggia HUMUS nutre HUMUS. Eque e non soppesabili sono le presenze. Chi trascorre una sola ora e chi viene alle iniziative tutto l’anno. Chi pensa a HUMUS ma non può presentarsi. Chi si sente HUMUS ma ha altri impegni. Chi su HUMUS mette tutto. Nessun modo personale di attribuire significato è escluso. Qui, come la più autentica delle esperienze, quello che succede non può essere misurato. Puoi fidarti di qualcosa che somiglia all’ HUMUS, che nasce dal profondo più che dal basso. Saprai che ogni risorsa disponibile viene investita nella ricerca verso nuovi modi di raccontare i confini meravigliosamente frastagliati della realtà in cui siamo immersi. Sono intenzioni queste che non saranno mai dimenticate da HUMUS e che troveranno nell’ “Altro” nuovo eco.


Per chi vuole avvicinarsi. Per chi resta. Per chi è disponibile a lavorare a un progetto per un periodo.

Qualcosa si crea e altro si trasforma:

ASSEMBLEA GLOBALE E VOLONTARI OPERATIVI

La proposta HUMUS nasce dall’Assemblea Globale che si incontra per esprimere il suo voto. Ogni tre mesi il Consiglio Direttivo dell’associazione convoca l’Assemblea Globale per rinnovare la motivazione di tutti i soci alla semina del nuovo ciclo di programmazione. Con regolarità miete e pianta. Solo chi sceglie di impegnarsi durante un ciclo di tre mesi è volontario in HUMUS e a nessuno può essere richiesta preventivamente una continuità di durata maggiore. Un volontario sa individuare l’area d’interesse nella quale crescere e fare crescere, dove le attitudini, le potenzialità, le aspirazioni, da nutrimento diventano germoglio seguendo un metodo. E’ operativo il volontario che si prende cura: tre mesi, una sera a settimana, portando del lavoro a casa. Coltivano intese i volontari che collaborano all’interno di un Gruppo Operativo, dove seguono con efficacia settoriale la crescita delle iniziative che da HUMUS nascono in quel trimestre. Cinque rappresentanti per cinque Gruppi Operativi: Comunicazione, Culturale, Sociale, Tecnico, Logistico. I rappresentanti intrecciano sinergicamente le competenze di ciascun gruppo ad Altro Consiglio, dove le iniziative di un trimestre sono progettate seguendo una visione di insieme. Due membri del Consiglio Direttivo dell’associazione supervisionano le attività di Altro Consiglio esplicitando le sensibilità che in questo Regolamento Radice sono sancite. Il Consiglio Direttivo e il Regolamento Radice sono la garanzia che l’organizzazione rimanga sul lungo periodo coerente alla sua specificità. All’Assemblea Globale i soci eleggono il Presidente più tre altri membri (il Segretario, il Tesoriere, il Quarto) che per dodici mesi (quattro cicli) rappresenteranno formalmente l’associazione tutta. Il Consiglio Direttivo si impegna a garantire la continuità nel tempo dell’attività associativa convocando ogni tre mesi l’Assemblea Globale, moderando l’incontro con tutti i soci nei tempi e nelle modalità affinchè siano abbattute le barriere tra un singolo socio e la sua possibilità di poter esprimere un cambiamento della forma fluida di HUMUS, modificando questo Regolamento Radice. L’Assemblea Globale si confronta sulle attività del ciclo precedente, formula le proposte del ciclo successivo e approva i Gruppi Operativi nella quale si sono liberamente inseriti gli associati che decidono di donare la propria disponibilità di volontari al progetto, almeno fino al trimestre successivo. Seguendo questo metodo, l’Associazione rimane contestualmente fluida e solida, perché rinnova ciclicamente nell’incontro con i cittadini le premesse di una presenza radicata e sentita ma anche germogliata e viva.


Per le persone che possono donare sensibilità e capacità al progetto. Per chi ha urgenza di esprimersi. Per chi ha una ragione sociale o una causa da condividere. Per entrare in rete alla pari.

PARTNER SOLIDALI

HUMUS vive in una realtà complessa e ricca di soggetti “altri” con cui dialogare, lavorare e camminare verso un orizzonte comune, mantenendo una propria unicità. Sono chiamati partner solidali, collettivi o i singoli, che riconoscono in HUMUS lo spazio dove potersi esprimere e che collaborano alle iniziative di HUMUS e le arricchiscono della loro esperienza.


Per le collaborazioni che abbiamo instaurato sulla base di leggi di mercato. Per le parti della proposta che richiedono rimborsi, acquisti o stipendi. Per comprendere meglio le scelte delle spese di bilancio.

PARTNER ECONOMICI

Il progetto rientra delle sue spese principalmente attraverso le quote associative. Anche attraverso i finanziamenti pubblici e quelli privati, HUMUS trova sostegno per le sue iniziative. Costruire costa e non tutto può essere pagato attraverso il lavoro volontario o lo scambio. Se i materiali di recupero, il lavoro volontario, i doni sono risorse che non prevedono voci di spesa, i prodotti etici e sostenibili, il lavoro di tecnici specializzati, le autorizzazioni, le assicurazioni, le certificazioni, il noleggio di strumentazioni necessarie, e più in generale tutti quei servizi e prodotti che non si riescono a procurare in maniera diversa se non acquistandoli sul mercato, diventano voci di spesa. Gli artisti e i professionisti nel campo sociale o della cultura arricchiscono il terreno che HUMUS abita e coltiva; per questo su di loro l’associazione investe un valore economico espresso chiaramente nel bilancio trimestrale.


Per i pragmatici

MISSIONE

Il germoglio è la missione. In pratica HUMUS organizza iniziative in modo sostenibile. Dal rispetto dell’ambiente a quello per il lavoro umano, le strategie e pratiche di cui si avvale sono per il cittadino un punto di riferimento concreto e fattibile: usa prodotti della filiera del commercio equo o di quella locale; lascia esprimere artisti del territorio e non giudica i linguaggi dell’arte o della cultura attuale; lotta insieme ad altri perseguendo le stesse cause sociali verso la riduzione delle diseguaglianze e il miglioramento della qualità di vita delle singole persone; comunica messaggi positivi argomentando dettagliatamente con parole e fatti le alte possibilità di perseguire obiettivi comuni grazie alla partecipazione cosciente della cittadinanza alla vita pubblica. Se uno ad un evento HUMUS trova una parte di tutto questo, il progetto si è avvicinato alla sua missione sul campo.


Per i sognatori

VISIONE

Le radici sono la visione. Se uno vede in HUMUS che è possibile un posto in cui le scelte sono prese con consapevolezza delle profonde implicazioni con il resto dell’ambiente, allora magari è più facile che trovi fiducia per immaginare una società globale che cerca un equilibrio nelle radici che la natura dell’uomo ha intrecciato su quella del pianeta.